Bed  and Breakfast Chez Vivi, B&B colli euganei, B&B  veneto padova

 
In questa pagina troverete spesso anche gli EVENTI di Venezia

Questo perchè Chez Vivì si propone come base privilegiata per raggiungere Venezia.
Noi suggeriamo di raggiungere Venezia in treno, evitando così il disagio della guida nel viaggio di rientro serale, quando si è più stanchi, il rischio di incappare nei frequentissimi blocchi del traffico autostradale in prossimità di Mestre, di attendere, a volte per ore, che si liberi un posto in uno dei parcheggi di Piazza Roma o del Tronchetto, ed evitando il costo proibitivo di questi parcheggi.
Il comodo viaggio in treno dura 50 minuti, la stazione di partenza è a 3 km da Chez Vivì e la stazione d'arrivo è sul Canalgrande!
Rientrando la sera troverete ad attendervi il verde e il silenzio del nostro giardino fiorito
la piscina per una gradevole pausa rinfrescante
e la cucina locale, per una gustosa e allegra cena in compagnia...


A partire da una quindicina di anni fa la Cappella degli Scrovegni e i famosi affreschi di Giotto sono stati sottoposti a più campagne di minuziosi controlli volti ad appurare quali interventi debbano essere posti in atto per garantire la sua conservazione. A seguito dei monitoraggi condotti dal Comune di Padova, in collaborazione con le competenti Soprintendenze, l'Istituto Centrale del Restauro, l'Università e altri esperti qualificati, si è potuto appurare che la maggior parte dei gas e dei particellati pregiudizievoli al buon mantenimento degli intonaci e della superficie affrescata vengono dall'attuale porta d'ingresso. Altri danni vengono dall'umidità di condensa provocata dalla traspirazione delle centinaia di migliaia di visitatori che annualmente affollano l'ambiente. Seguendo le indicazioni della Commissione per la salvaguardia della Cappella sono stati decisi gli interventi appropriati ed è stato progettato un nuovo corpo di accesso, Corpo Tecnologico Attrezzato, che, insieme all'impianto di trattamento dell'aria, permette di gestire il forte flusso dei visitatori in modo da non pregiudicare la buona conservazione degli affreschi.
Il restauro è stato ultimato nel marzo 2001.

Info:
Entrata dai Musei Civici , piazza Eremitani 8
tel. +39 049 82045450 - 51
fax +39 049 8204585
orario: tutto l'anno 09.00 - 19.00
chiusura: Natale, S. Stefano, Capodanno

Visite solo su prenotazione Telerete Nordest 049/2010020 da lunedì a venerdì 09.00-19.00 sabato 09.00-18.00
oppure on line: http://www.cappelladegliscrovegni.it
biglietti: intero (comprende Museo, Palazzo Zuckermann dal 28 maggio 2004) euro 12.00, ridotto euro 8.00, ridotto speciale euro 5.00, gratuito bambini fino ai 6
Cappella degli Scrovegni

Per diffondere nell'immaginario collettivo una considerazione assolutamente positiva di se, il ricco banchiere padovano Enrico Scrovegni nel 1300 acquista la zona dell'Arena Romana, per costruire il suo palazzo e una cappella dedicata alla Beata Vergine in suffragio dell'anima sua e di suo padre Reginaldo, l'usuraio ricordato da Dante nel Canto XVII dell'Inferno.
La piccola chiesa di forme semplici e pulite esternamente presenta all'interno un unico ambiente, terminante sul fondo con un presbiterio in cui si trova il sarcofago di Enrico Scrovegni, opera di Andriolo de Santi e sull'altare una Madonna col bimbo, opera dello scultore trecentesco Giovanni Pisano.
La cappella è costituita da un unico vano di 20,5 x 8,5 m. e di 18,5 m. in altezza con copertura a botte. L'intera decorazione è considerata uno dei massimi capolavori dell'arte di tutti i tempi.
Nell'anno 1300, dopo aver visto Giotto e la sua scuola all'opera nella Basilica di Sant'Antonio, lo Scrovegni gli commissionò la decorazione murale della cappella (1303 al 1305).
Per questa commissione signorile, il noto pittore aveva a disposizione le pareti di una chiesa di piccole proporzioni e asimmetrica, per via delle sei finestre che si aprono soltanto sulla parete destra. Per rendere possibile l'attuazione del vasto programma iconografico, il pittore ha preso come punto di riferimento lo spazio tra le due finestre, calcolando di inserirvi due storie, una sopra all'altra.

Giotto desidera condensare il Nuovo Testamento nelle trentanove scene dipinte: partendo dalle vicende dei genitori di Maria, Gioacchino e Anna, per proseguire con le Storie della Vergine e di Gesù, e chiudere in controfacciata con il Giudizio Universale narrato nell’Apocalisse. Inoltre vengono realizzate quattordici allegorie a monocromo dei Vizi e delle Virtù nell’alto zoccolo perimetrale.
Un modo nuovo di dipingere, ma anche il recupero di antiche tecniche romane e, soprattutto, l'uso di sapienti artifici che rendono più fluida la rappresentazione. Così Giotto rinnova e supera radicalmente la tradizione bizantina.
I recenti interventi operati sul ciclo giottesco a cura dell'Istituto Centrale per il Restauro hanno consentito non solo di circoscrivere al massimo il progresso di degrado degli affreschi, ma soprattutto di restituire all'insieme l'unità percettiva degli elementi portanti dell'invenzione del sommo Maestro.
L’intero programma sembra avere l’intenzione di offrire a chi entra nella cappella dei perfetti esempi di condotta, in modo da giungere al giorno del Giudizio senza il timore della dannazione, raffigurata come monito sulla parete di ingresso.
Circa due anni in tutto. Una rapidità straordinaria di esecuzione che si spiega solo se si ipotizza una grande maestria tecnica ed un sistema innovativo di organizzazione del cantiere. Si afferma agli Scrovegni il modello sperimentato ad Assisi.



La mostra presenterà la storia dell'uomo che ha inventato il libro moderno e il concetto stesso di editoria, facendo di Venezia la capitale internazionale della stampa.
L'esposizione, attraverso capolavori assoluti di Giorgione, Carpaccio, Giovanni Bellini, Cima da Conegliano, Tiziano, Lorenzo Lotto, Pietro Lombardo, racconterà come il progetto di Aldo e i suoi preziosi libri si intrecciarono a Venezia con un'arte nuova, nutrita dalla pubblicazione dei classici greci e latini.



Aldo ha intenzione di costruire una biblioteca la quale non abbia altro
confine che il mondo stesso

Erasmo da Rotterdam

La mostra testimonierà questo passaggio attraverso i paesaggi di Giorgione, i disegni del giovane Tiziano, le incisioni di Giulio Campagnola, i bronzetti di Andrea Briosco.
Un'importante sezione del percorso espositivo sarà dedicata all'intenso rapporto che legò Aldo alla cultura del nord d'Europa e a Erasmo da Rotterdam. Il filosofo olandese - che per pubblicare la nuova e definitiva edizione dei suoi Adagia visse a Venezia, ospite della famiglia di Manuzio per quasi un anno - oltre ad apprezzare la cura delle edizioni aldine, riteneva che fosse di importanza fondamentale, per la circolazione trasmissione del suo pensiero in tutta Europa, che i suoi lavori fossero stampati proprio da Manuzio.
La mostra non mancherà di proporre la Hypnerotomachia Poliphili, il libro illustrato più celebre e raffinato di Aldo Manuzio con fantasiose xilografie forse approntate su disegno del miniatore Benedetto Bordon.
Aldo Manuzio. Il rinascimento di Venezia è promossa dal Comitato per il V° Centenario della morte di Aldo Manuzio e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo con le Gallerie dell'Accademia di Venezia, principale donor partner World Monuments Fund, in memoria di George e Vera Kaestlin-Bock.


Dal 19 marzo al 19 giugno 2016, alle Gallerie dell'Accademia, la mostra Aldo Manuzio. Il rinascimento di Venezia, curata da Guido Beltramini, Davide Gasparotto, Giulio Manieri Elia, ripercorre una stagione unica e irripetibile nella storia della cultura europea e occidentale, durante la quale il libro si rivelò capace di trasformare il mondo dando vita al rinascimento di Venezia, città effervescente - con oltre 150mila abitanti nel XVI secolo è una tra le più ricche e popolose città del continente - dove ogni tipo di linguaggio artistico riesce, nello spazio di pochi decenni, a trovare la sua più efficace espressione.
È nel Cinquecento che Venezia conquista e afferma definitivamente il ruolo di cerniera tra l'Oriente e l'Occidente, passando da essere semplice piattaforma per scambi di natura commerciale a luogo dove si mescolano culture, tradizioni, saperi.
Sfruttando l'imponente rete logistica della quale solo una città mercantile come Venezia poteva disporre, Manuzio riuscì a immaginare e realizzare il suo straordinario programma che per la prima volta prevedeva di rendere disponibili al pubblico degli studiosi e di letterati del suo tempo i grandi classici della cultura greca, da Omero ad Ari
Proprio grazie a Manuzio e alla sua collaborazione con Pietro Bembo, il volgare si affermava, accanto al latino, come la lingua della contemporaneità in tutta Europa, confermandosi tale secondo il canone che elesse Dante, Petrarca e Boccaccio come modelli.
La circolazione di questo patrimonio di testi e di idee non solo contribuì a creare una cultura comune europea, capace di integrare l'ambito classico greco-romano al mondo moderno e contemporaneo, ma favorì l'emergere di temi e motivi assolutamente nuovi anche nel campo delle arti figurative; maestri quali Giovanni Bellini, Cima da Conegliano, Jacopo de' Barbari trassero decisa ispirazione dai testi della classicità greca e latina, ora finalmente fruibili con facilità anche da un pubblico laico.
A seguito della riscoperta della poesia greca e latina, la pittura rivolge ora un nuovo sguardo anche sulla natura: abbandonate le suggestioni medievali che dipingevano una natura ostile, dura, popolata da fiere feroci, l'arte si apre a una rappresentazione del paesaggio inteso come culla della civiltà, come paradiso terrestre nel quale l'uomo è destinato a vivere.

stotele, da Sofocle a Euripide a Tucidide, per poi raccogliere i testi latini da Virgilio a Cicerone, da Orazio a Ovidio, a Catullo, a Properzio, Lucrezio, Giovenale, Marziale, e ancora ebraici e italiani della nuova letteratura in volgare.
ALDO MANUZIO. Il rinascimento di Venezia

Informazioni, prezzi e prenotazioni
Tel. 041. 5200345
www.gallerieaccademia.org

Sito internet mostra: 
www.mostraaldomanuzio.it

Ufficio stampa mostra - CLP Relazioni Pubbliche
Francesco Sala, tel. 02 36 755 700
francesco.sala@clponline.it; www.clponline.it

Comunicato stampa e immagini
www.clponline.it

Civita Tre Venezie
ufficiostampa@civitatrevenezie.it
+ 39 041 2725912

Catalogo Marsilio editori.



Venezia, Gallerie dell'Accademia, Ala Palladio (Campo della Carità, 1050)
19 marzo - 19 giugno 2016
Orari: lunedì, 8.15-14; da martedì a domenica, 8.15-19.15